Lutero, Bruno e Pomponio Algieri
Recensioni / 02/12/2017

Quando Pomponio Algieri da Nola, all’età di soli 24 anni, viene bruciato vivo a Roma in piazza Navona, Giordano Bruno di anni ne ha appena otto. Oltre che per la giovane età del condannato, l’esecuzione è insolita anche per il luogo e il metodo scelto dall’Inquisizione: anziché le solite fascine, per alimentare il fuoco viene approntato un pentolone di pece, olio e trementina, nel quale viene immersa la povera vittima. Scarica l’articolo Leggi tutti i miei articoli

Cornelio Agrippa e la vanità delle scienze
Recensioni / 19/07/2017

Nella sua rinomata libreria antiquaria, nel cuore di Firenze, Paolo Pampaloni sta sfogliando un grazioso volumetto in ottavo, rilegato in pelle scura. Si tratta di un esemplare del De incertitudine et vanitate scientiarum di Heinrich Cornelius Agrippa von Nettesheim. Scarica l’articolo Leggi tutti i miei articoli

Il Ciel Reformé dell’Abbé de Vougny – Una rara traduzione dello Spaccio de la bestia trionfante
Recensioni / 26/04/2017

Giordano Bruno fu un sostenitore delle traduzioni e non si stancò di ripeterlo nel corso del suo sfortunato ciclo di lezioni oxfordiane. Nel 1585, quando il filosofo aveva da poco lasciato l’Inghilterra, il poeta Samuel Daniel, nella prefazione alla traduzione inglese delle Imprese di Paolo Giovio, riportò una lettera di Nicholas Whithalk, il quale ricordava le parole pronunciate a Oxford dal Nolano: «tutte le scienze traggono giovamento, per la loro diffusione, dall’aiuto delle traduzioni». Scarica l’articolo Leggi tutti i miei articoli

Tommaso Moro: l’eresia della coscienza
Recensioni / 20/12/2016

I libri condizionano la storia dell’uomo tanto quanto le guerre, le paci e i cataclismi naturali. Forniscono quei parametri ‘intellettuali’ entro i quali gli individui maturano il proprio pensiero. Così quando si definisce ‘epocale’ un libro, non solo se ne intende sottolineare l’esemplarità ma soprattutto l’impatto che ha avuto nelle vicende ideali dell’umanità. Certo è che, un posto d’onore spetta all’Utopia di Tommaso Moro, di cui quest’anno si celebra il V centenario della prima edizione. Un libro che ha ‘costretto’ molti, a confrontarsi con il suo sfuggente significato ‘ultimo’. Una ricorrenza che celebra un volume di 500 anni fa ma che, parla nel profondo del nostro mondo contemporaneo. Gianluca Montinaro Scarica l’articolo Leggi tutti i miei articoli